Nessun commento

Vendere una casa occupata o vuota?

Quando si tratta di vendere una casa è meglio che sia occupata o vuota? Una domanda che mi fanno spesso i proprietari di case e appartamenti da vendere perché c’è una grande differenza fra vendere una casa occupata o libera. Perciò questo articolo è dedicato ai proprietari di case, appartamenti e proprietà immobiliari che vogliono mettere in vendita.

Quando devi decidere di vendere una casa libera o occupata dal proprietario o dall’inquilino, l’unica domanda che dovresti farti è: qual è la scelta più vantaggiosa? Vendere una casa non è mai facile perciò se possiamo fare qualcosa per rendere questo momento meno stressante, perché no?

Scommetto che stai già pensando: vendere una casa libera, cioè vuota e senza arredamento è certamente più facile rispetto a vendere una casa occupata da mobili e mille oggetti personali.

Ecco la sorpresa: spesso una casa occupata si vende più facilmente rispetto ad una casa vuota, a meno che l’occupante non renda questa operazione eccessivamente difficile o complicata.

Vendere una casa vuota rispetto ad una occupata ha alcuni pro e contro di cui voglio parlarti. Come consulente immobiliare che vende immobili da oltre dieci anni e con l’esperienza maturata nel settore immobiliare anche in qualità di Associato e Consigliere alla FIMAA di Ravenna, la Federazione Italiana Mediatori Agenti D’affari, posso affermare che in realtà non fa molta differenza in entrambi i casi, cioè che la casa o l’appartamento siano liberi oppure occupati.

Come accade spesso, anche nella vendita immobiliare ci possono essere vantaggi e svantaggi in entrambi i casi.

Alcuni dei motivi più comuni per cui una casa è libera da persone e arredamenti, cioè vuota, sono i seguenti:

  • La casa era una proprietà in affitto ed il proprietario decide di venderla
  • Il proprietario per motivi di lavoro deve cambiare città
  • Il venditore ha acquistato un’altra casa e vuole traslocare prima di vendere
  • La casa è di nuova costruzione
  • La casa è stata ereditata e gli eredi decidono di metterla in vendita dopo averla liberata dagli arredi

Le differenze fra vendere una casa occupata o vuota

I vantaggi della vendita di una casa libera

1. La casa è più facile da mostrare ai potenziali acquirenti

Senza occupanti, la casa può essere mostrata a qualsiasi ora. Come agente immobiliare, posso perfino dedicare un intero pomeriggio ad un potenziale cliente oppure ad una coppia per mostrare una, due o tre case quando sono vuote. Una casa vuota può anche far aumentare il numero clienti interessati a vederla.

2. Non è necessario tenere la casa sempre in ordine e pulita.

Una delle attività più stressanti per un agente immobiliare è mantenere pulita una casa che viene mostrata regolarmente. Perciò mostrare una casa vuota elimina questo stress. Ovviamente un consulente immobiliare scrupoloso come me si preoccupa di arieggiare la casa qualche ora prima di mostrarla a potenziali acquirenti e controlla che non sia visibile polvere sui pavimenti in legno e che tutto, dai vetri delle finestre ai terrazzi siano perfettamente puliti.

3. Se sei il proprietario dell’immobile ma non ci vivi, non sei costretto a prendere appuntamenti per aprire la casa.

Qui mi rivolgo al proprietario dell’immobile da mettere in vendita. In quanto proprietario della casa o dell’appartamento, quando sono vuoti non hai l’assillo di dover concordare appuntamenti con l’agente immobiliare per mostrare la tua proprietà.

Le differenze tra vendere una casa occupata o vuota - Coppia con sguardo dubbioso

4. Alcuni acquirenti preferiscono vedere immobili vuoti per immaginare come potrebbero arredarli.

C’è una percentuale di acquirenti che si divertono ad immaginare le proprie cose in una casa vuota. Le case arredate, anche se in ordine o migliorate grazie ad un intervento di Home Staging tendono a smorzare la fantasia di questo tipo di persone. Non riescono a vedere oltre ciò che hanno già, non sanno immaginare altro che i loro mobili e accessori. Ci sarà sempre una percentuale di acquirenti che non hanno fantasia e che restano colpiti principalmente dagli arredamenti presenti in una casa occupata, anche se si tratta di un appartamento di lusso o di una villa di prestigio e che non riescono a focalizzarsi sulla struttura architettonica, gli spazi, la disposizione e dimensione delle camere, delle finestre, ecc.

Gli svantaggi di vendere una casa vuota

1. Le case libere sono ancora più vuote.

Parte del fascino di una casa è il suo calore e intimità. Ma quando nessuno ci vive, per certi acquirenti una casa tende a sembrare ancora più vuota. C’è di più: sembra incredibile ma le case vuote tendono a sembrare più piccole.

Ho accennato al fatto che alcuni acquirenti preferiscono vedere una casa vuota per fantasticare su come arredarla, ma ci sono anche quelli che preferiscono l’esatto contrario. Alcuni acquirenti vogliono vedere come posizionare i mobili in una stanza perciò le case arredate li aiutano in questa specie di gioco mentale. L’esperienza di consulente immobiliare mi ha insegnato che si crea sempre una sorta di connessione emotiva con il modo in cui viene presentata una casa o una proprietà.

Quando le case sono vuote, gli acquirenti tendono a vedere anche molte più imperfezioni. Potrebbero essere cose piccole come ammaccature su pavimenti e pareti. Tutto ciò si traduce nel fatto che gli acquirenti potrebbero pensare di dover sostenere dei costi ulteriori per sistemare quelle imperfezioni e ciò può tradursi in offerte più basse.

2. Le case vuote possono far pensare che il proprietario ha urgenza di vendere.

Quando una casa è libera da arredamenti e persone, molto spesso gli acquirenti ritengono che il proprietario abbia fretta di vendere. In realtà accade anche, in molte occasioni, che il proprietario abbia già acquistato un’altra casa e stia pagando due mutui. Il proprietario è libero di pagare tasse, assicurazioni e manutenzione anche su più proprietà. Tuttavia questa sensazione da parte dei compratori va tenuta in considerazione quando si decide di mettere in vendita una casa vuota. Sono certa che hai già capito che una vendita immobiliare si gioca, come in altri settori, più sulle emozioni, sulle sensazioni, sulle opinioni personali che gli acquirenti si fanno di questa o quella caratteristica della casa.

Alcune persone potrebbero cercare di abbassare il prezzo della proprietà basandosi sulla loro idea che il proprietario “sembra” voler vendere al più presto possibile. È compito del consulente immobiliare esperto fugare ogni dubbio ed accompagnare l’acquirente verso considerazioni basate sulla realtà dei fatti e sui vantaggi dell’immobile benché libero e vuoto.

I vantaggi di vendere case occupate

1. La tua casa non è appetibile a vandali e ladri.

Le persone che vogliono svaligiare o vandalizzare una casa cercano obiettivi facili. Quando vivi nella ​​casa o nell’appartamento che vuoi vendere, i malintenzionati sono meno attratti rispetto alle case vuote.

Nell’era digitale poi, grazie alla grande facilità di realizzare video tour, fare servizi fotografici e dare un’aria più sobria e che piaccia al maggior numero di acquirenti possibile grazie all’Home Staging, vendere case arredate è diventato relativamente più facile e sicuro perché anche se la casa è abitata può essere mostrata in ogni sua parte dal punto di osservazione migliore.

2. Le case occupate mostrano il meglio di se stesse.

Una casa tende a sembrare più bella ed accogliente quando è occupata. Gli acquirenti non devono immaginare come sarà la casa con i mobili perché ci sono già i “tuoi” mobili. A certi compratori piace anche la sensazione di una casa che sia già abitata da persone che lasciano intravedere il loro stile di vita. Per mostrare una casa abitata ai potenziali acquirenti, può essere utile mettere in scena una sorta di “giornata tipo”, come esibire il tavolo della cucina apparecchiato con il tuo servizio migliore, accendere candele in salotto, lasciare acceso il camino in inverno, e così via. Questi sono accorgimenti che si possono adottare senza esagerare mai.

3. Puoi incontrare l’acquirente.

In quanto proprietario, se sei interessato ad incontrare l’acquirente, ti sarà più facile farlo se vivi in casa. A volte i venditori vogliono assicurarsi che la loro amata casa sia acquistata da qualcuno che pensano possa trarne il massimo, quindi essere in grado di conoscere l’acquirente consente tali considerazioni. Non sono molti i proprietari di case che vogliono incontrare l’acquirente, tuttavia certe persone potrebbero aiutare la vendita mostrandosi solo in determinate occasioni e incontrando solo acquirenti speciali che, come agente immobiliare, io ho già valutato e conosciuto a fondo.

Questo genere di incontri vanno sempre preparati con estrema cura: in quanto consulente immobiliare posso affermare che proprietario ed acquirente devono trovarsi in sintonia ed avere gusti simili per potere realizzare una vendita che soddisfi veramente entrambi.

4. Gestire le emergenze.

Uno dei problemi nel lasciare la casa vuota è che non è possibile gestire gli imprevisti come quando qualcuno compie atti vandalici rovinando la porta principale o le imposte oppure si rompe una tubatura. Al contrario quando vivi in casa puoi risolvere rapidamente eventuali problemi.

Vendere una casa libera può essere molto più impegnativo in inverno se vivi in un clima freddo dove le intemperie come grandinate o gelate impreviste e le temperature basse possono danneggiare anche lievemente la tua proprietà.

5. Non devi pagare le utenze in due residenze separate.

La casa che stai vendendo deve avere le sue utenze attive, anche se non ci vivi. Almeno l’utenza della corrente elettrica per accendere eventuali lampade in caso la visita avvenga a pomeriggio inoltrato. Lasciare le utenze attive dipende anche dalla zona geografica: in inverno in aree dove le temperature possono essere molto rigide l’acqua contenuta nelle tubature, se non viene fatta circolare, può farle scoppiare. Ciò significa che dovrai pagare le utenze presso la tua residenza attuale e la tua casa in vendita se non la occupi. Al contrario, abitando la casa durante la fase della vendita, eviti di pagare utenze doppie.

Gli svantaggi di vendere una casa abitata

1. La casa deve essere sempre in ordine e pulita.

Se vivi nella casa che stai vendendo è importante mantenerla pulita e ordinata. Vuoi attirare i compratori quando vengono a vederla? Per questa ragione con i miei clienti concordo sempre gli appuntamenti lasciando loro il tempo di rassettare la casa o l’appartamento. Quando assieme ai miei fornitori realizziamo interventi di Home Staging, concordiamo con i clienti che ogni elemento aggiunto debba essere lasciato nel punto prestabilito e nello stato in cui viene posizionato.

L’Home Staging permette di mostrare una casa in vendita secondo tecniche che trasformano una casa arredata in modo “troppo personale” in un luogo che si adatta ai gusti dalla maggioranza degli acquirenti. Infatti, lo scopo dell’Home Staging è di spersonalizzare la tua casa in modo che un potenziale acquirente sia in grado di immaginare se stesso dentro quell’ambiente. Rimuovendo mucchi di giornali e foto di famiglia, sarai in grado di aumentare il fascino della tua casa. Un altro consiglio è quello di scegliere colori neutri per tappeti e possibilmente muri. Ovviamente non basta togliere qualcosa qua e là e fare brillare i pavimenti. Gli accorgimenti utilizzati dall’Home Stager sono diversi per ogni casa e cambiano a seconda delle mode e dell’area geografica.

2. Gli accumulatori seriali ed altri problemi non possono essere nascosti in modo efficace.

I cosiddetti “accumulatori patologici”, sono coloro che soffrono di disturbo da accumulo o disposofobia. Si tratta di un disturbo molto più articolato dello stereotipo che fa ritenere questa malattia tipica delle persone anziane che vivono sole e isolate, appartenenti al ceto medio basso. Gli accumulatori seriali conservano di tutto, non buttano nulla, accaparrano oggetti, tanti e inutili e trasformano la casa in un luogo dove può essere anche difficile entrare e muoversi liberamente. Vendere la casa o l’appartamento di un accumulatore patologico può essere molto difficile perché il problema non può essere semplicemente nascosto. Questa situazione può far crollare il prezzo della casa. Perciò in presenza di questa situazione o di altri problemi di pulizia significativi, potrebbe avere più senso spostare tutto fuori casa, pulirla e venderla mentre è vuota.

3. Devi uscire di casa ogni volta che l’agente immobiliare deve mostrarla.

Il tuo agente immobiliare ti chiederà di non essere in casa durante le visite di vendita. Quindi spesso dovrai interrompere ciò che stai facendo per lasciare libero il campo a consulente e compratori. Tutti gli acquirenti tentano di acquistare la casa al miglior prezzo possibile – le visite potrebbero essere frequenti e ripetute e questo, per il proprietario, potrebbe essere un problema difficile da gestire, soprattutto quanto siamo in presenza di una famiglia con figli e persone anziane.

Gli svantaggi di vendere una casa abitata

Consigli per la vendita di una casa vuota

Se decidi che vendere la tua casa vuota, secondo me stai facendo la scelta migliore. A questo proposito voglio darti alcuni consigli.

  • Avvisa la polizia locale oppure la società che gestisce il servizio di vigilanza della tua zona che la tua casa è vuota. Potrebbe essere necessario stipulare un contratto con la società di vigilanza se non lo hai già fatto prima. Naturalmente scelte come questa dipendono da diversi fattori che variano al variare del tipo di immobile, quindi che si parli di una casa, di una villa prestigiosa, di un mini appartamento o di un attico di lusso, di un ufficio o di un fabbricato commerciale.
  • Fai sapere ai tuoi vicini e amici che stai vendendo casa e che non ci sei più. Certi vicini possono essere molto più utili in certi casi della vigilanza stessa.
  • Prendi ulteriori precauzioni e installa lucchetti sicuri per bloccare cancelli o porte sul retro.
  • Potresti anche considerare di installare un sistema di sicurezza se la tua casa si trova in una posizione isolata.
  • Un’altra opzione è quella di installare apparecchiature di monitoraggio domestico che consentono di visualizzare l’interno e l’esterno da remoto.
  • Un’altra ottima idea è avere delle luci con timer per illuminare la casa a momenti alterni così da sembrare occupata.
  • Fai manutenzione dell’esterno della tua casa per assicurarti che non sembri abbandonata, soprattutto per dare l’immagine migliore di sé ai potenziali compratori.
  • Se possibile cerca di mantenere la casa fresca in estate e tiepida in inverno anche a seconda del luogo dove è situata. Se non vuoi occupartene di persona o non puoi perché vivi lontano, puoi chiedere al consulente immobiliare di farlo per te.

Considerazioni finali

Come avrai notato vendere una casa occupata o vuota implica Pro e Contro.

Ora devi solo decidere in che modo vuoi procedere. Un agente immobiliare qualificato dovrebbe guidarti e consigliarti nel modo che si adatta meglio alla tua situazione specifica, indipendentemente dal percorso che decidi di intraprendere.

 

Sia che tu venda la tua casa vuota o occupata, usa questi consigli per valutare attentamente le due opzioni! Contattami per incontrarmi e valutare assieme a me la soluzione migliore per la tua proprietà.

Commenti (0)